Salvatore Ferragamo, il Calzolaio dei Sogni

Bomboniere
Come orientarsi tra Bomboniere, Segnaposto e Confetti
6 giugno 2017
Location Matrimoni
Location Matrimoni, Piccola Guida
1 luglio 2017
Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo

il lavoro che avrei potuto non fare

L’idea di frugare nei cassetti e di scoprire documenti, storie dimenticate mi ha sempre affascinato.

Ora i cassetti assumono una dimensione virtuale, il web, tanto per capirci, mi permette di cercare in posti prima inaccessibili.


Oggi inizio un nuovo percorso, nuovi articoli fatti partendo da ricerche sui personaggi che hanno fatto la storia delle calzature.

Recentemente ho scoperto un libro, l’ho inseguito e comprato a caro prezzo. È uno di quei libri che profumano di antico, da custodire gelosamente. Lo sto assaporando lentamente, come si farebbe col frutto di una pianta in estinzione, per lasciare ai posteri le sensazioni del gusto.

È l’autobiografia di Salvatore Ferragamo.


Le citazioni e le immagini sono tratte da questo libro raro dal titolo “Il calzolaio dei sogni – L’autobiografia di Salvatore Ferragamo” copyright 1971 di Giulio Cesare Sansoni, antica casa editrice fondata nel 1873 a Firenze.

Titolo originale del libro “Shoemaker of Dreams – The autobiography of Salvatore Ferragamo” copyright 1957 by George G. Harrap & Co. Ltd. London

Signore e Signori,

la parte meno importante di questo libro è il racconto della vita di un calzolaio italiano. Tutti noi possiamo nar­rare la nostra vita e se entro nei particolari della mia car­riera è soltanto per potervi meglio parlare della missione alla quale sono stato chiamato: il lavoro che avrei potuto non fare. Perciò questo libro tratta essenzialmente di piedi. Se avete i piedi sani vi insegnerà a conservarli tali. Se sono difettosi vi spiegherà perché lo sono e contribuirà ad evi­tarvi maggiori sofferenze. E questo perché i vostri piedi sono le vostre scarpe. Nel corso della mia vita ho consta­tato che la Natura ci dà dei piedi sani. Se avete piedi difet­tosi è perché sono difettose le vostre scarpe. I vostri piedi hanno l’aspetto delle scarpe che portate e se le scarpe sono disegnate male avrete i piedi distorti, schiacciati e stretti. Eppure non è necessario – neanche per vanità – tortu­rarvi in tal modo. Possiamo tutti camminare allegramente ed essere calzati bene, esteticamente, elegantemente.

Questo è stato il mio compito nella vita: sforzarmi di imparare a far scarpe che calzano sempre e rifiutarmi di mettere il mio nome su qualsiasi scarpa che non calzi. Quindi, vi prego, guardate oltre alla storia del ragazzino scalzo ed incolto che è diventato un calzolaio famoso e cer­cate il piacere che avrete camminando bene.

Salvatore Ferragamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *